Colazione fuori dopo una notte scura

Ieri era una di quelle notti in cui i pensieri si ricorrono in testa, lame affilate che pungono e fanno allontanare il sonno fino alle prime luci del mattino.

Ho fatto un brutto sogno ma non ricordo quale, una pioggia fitta nera mi tagliava come una lama sottile, camminavo nel grigio opaco delle nuvole senza una meta.

Le giornate così iniziano pigre e stanche, potrebbero continuare così fino a sera ma non ci sto a rovinarmi un martedì di luglio inoltrato.

Come diceva una mia cara amica, se la giornata parte male dipende da noi evitare che prosegua allo stesso modo fino a sera.

Mi trascino fuori dal letto con le occhiaie fino a terra, alzo la tapparella e guardo il mio angolo in balcone: aspetta solo me per dare un senso alla mattina e alla giornata intera.

Penso in quel momento a Valeria, a tutte le volte che sono andata a leggerla pensando che si, lei sa come ribaltare le giornate e godere a pieno dei momenti speciali.

Proprio ieri ho comprato il suo splendido libro che è in realtà una bellissima Iniziativa per l’estate, per dar valore all’ospitalità o a un semplice pic nic fuori porta, o a una cena semplice tra amici.

Parto da qui, da una colazione come si deve con la sua granella perfetta. Magari la mia non è proprio perfetta ma lo è per me, con delle albicocche niente male prese al mio mercatino preferito.

Confesso, non sono abituata alle colazioni fatte con calma durante la settimana, sin da quando ero bambina. Uno sbaglio che mi sono trascinata dietro anche da grande: mi alzo al volo e bevo un caffè – seduta – con poco altro. Il caffè dev’essere buono però.

Eppure sedersi fuori con una bella giornata di sole, uno yogurt greco dei migliori, granella e albicocche di stagione beh, è tutta un’altra storia.

E per non farmi mancare niente, inneggiando all’estate, stasera ho provato anche le polpette di zucchine e menta e la panzanella. L’ispirazione è sempre Valeria, ottima e sapiente cuoca che di segreti ne conosce parecchi.

La mia foto di questi due piatti buonissimi non rende e quindi non la metterò, le ricette invece rendono tantissimo.

E col cuore un po’ più leggero, di foto invece ne metto un’altra, perché so che a Valeria piacerà. E’ il ricordo di una settimana bellissima con i bambini e le mie amiche in Sicilia, e questo è un tavolino di “Enzo a mare”, uno di quei posti in cui è impossibile non ritornare, a Punta secca.

A Valeria e alle spezie gentili dedico la foto, e anche questo post.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...