Solo questo

20140609-180005-64805955.jpg
Inizia l’estate, il caldo che ti si appiccica alla pelle, ti annoda i capelli, ti entra nelle viscere, ti succhia il respiro.
Milano e’ una città ingrata, ti stritola quando arriva fine giugno e cammini sull’asfalto assolato e bollente.
Non hai più voglia di niente, macini ore fino a tarda sera con il testa solo le vacanze.
Oggi è così, la sofferenza si fa strada mentre penso al mio mare, alla mia terra, che così intimamente mi assorbe, da quando mio padre l’ha scoperta trentacinque anni fa.
La Sardegna, quella aspra, quella nascosta, quella in cui mi rifugio da sempre, con la famiglia o da sola, con i bambini o senza.
Ho nostalgia di questi colori, di questi profumi, di questo mare che ti cattura lo sguardo, la testa, il cuore.
Di queste ore lente in cui non rincorro nulla, e sto fuori sul terrazzo la sera senza pensieri, a godermi l’estate.
Di queste otto di sera in cui sono in costume a bermi una birra guardando i bambini correre sul terrazzo, con il pallone tra i piedi.
Di questo sole forte che ti acceca la vista, i pensieri, ti aggroviglia la mente.
E ne sento un bisogno così forte oggi che potrei scoppiare.
E muoio lentamente aspettando, rodendomi nella mia nostalgia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Solo questo

  1. Fioly ha detto:

    come ti capisco! la mia nostalgia è di un luogo montano, in Trentino. ma comprendo in pieno quel dolore silenzioso che ti fa desiderare di essere dove non sei

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...