Splendore

20140427-000938.jpg

Ho finito questo libro in questo istante, e ne scrivo.
Margaret Mazzantini mi piace da sempre, da quando ho sentito suo marito leggere a teatro qualche pagina di “Non ti muovere” più di dieci anni fa, quando non avevo figli ed ero seduta al buio a fianco di una delle mie più care amiche.
A me succede così, lei mi scuote, e alla fine dei suoi libri mi sembra di aver vissuto un pezzo di vita infinita, di cui ho già nostalgia.
Questo libro, più di altri, mi ha trafitto, scavato nel profondo, mosso nelle mie corde più profonde, giorni di lacerazioni.
E’ un libro che parla d’amore, ma lo fa in un modo che ti attraversa, ti fa vivere un anno intero di struggimenti e profondi sospiri.
E’ un libro che vive da solo, che solca mari profondi, città, marciapiedi polverosi e cortili, locali bui, alberghi, città piene di gente che si chiede chi e’.
E’ un libro in cui vuoi nasconderti, perderti tra le pagine, sussurrare parole quest’uomo che ci racconta la sua vita, abbracciarlo e prendergli la testa tra le mani. E poi c’è Roma, da cui sono appena tornata, e Londra, dove andrò a breve, e in mezzo un infinito di posti e di luoghi, di pensieri e di persone perse e vive.
E’ un libro che è difficile anche da raccontare.
Va letto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Splendore

  1. verdeacqua ha detto:

    sono tentatissima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...