Il trip delle mattonelle

20130430-011441.jpg

Sembra il titolo di una canzoncina, un tormentone dell’estate. No, non lo è, e’ solo un titolo perfetto per me, per le mie nottate, per i miei pensieri.

Il trip delle mattonelle, l’ultimo di mille, il primo di altri mille.

Qualcuno dice che a leggermi sembro una scheggia impazzita, ansia da prestazione per chi alle dieci e’ già nel mondo dei sogni.

Mi guardo dall’esterno e non so chi voglio rincorrere, forse la pioggia, quando cade giù fitta, senza sosta.

20130430-011904.jpg

Voglio una parete verde bosco? Prendo un pennello e vado, finché non ho finito. Voglio un albero nella stanza dei bambini? E’ mezzanotte, ma io mi metto a colorare sul muro, poi vado a letto a opera finita. La maglia? Vado a un corso e imparo, faccio cinque cappelli, due sciarpe e un poncho. Bella quella collana, com’è fatta? Semplice, con il tricotin, pronti via, a confezionare collane di mille colori.

E poi arrivano le mattonelle, e si riparte.

E poi scappo, con la mente sono sola in riva al mare, e poi in campagna a correre nei prati. Così.

20130430-012654.jpg

Qualcuno mi insegue, chi mi insegue? Macino idee, cose, mail, passi nell’erba bagnata del mattino, canzoni di tanti anni fa. Nikka Costa, quel l’unica canzone che continuo a sentire, quanto è passato da allora?

Chissà che impressione hanno di me tutti quelli che vedono le mie foto all’una di notte, mentre cucio una gonna svolazzante o sferruzzo di viola e di arancione.

Chi si ferma e’ perduto. Sarà vero?

Almeno il tempo di un caffè.

20130430-013157.jpg

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Il trip delle mattonelle

  1. hal1974 ha detto:

    L’impressione di una che non si ferma mai. E che sta cercando qualcosa. E quel qualcosa lo trova sempre e lo perde continuamente. Per questo si rimette in moto. Tu sei felice? Forse è l’unica domanda a cui potrebbe essere necessario dare una risposta. Buongiorno Vale.

    • valewanda ha detto:

      @Alessia, la mia non è ricerca di felicità ma uno status che fa parte di me. Sono felice anche perché vivo così, probabilmente se non lo facessi non lo sarei…

  2. Lanterna ha detto:

    È quello che dicono spesso anche a me: ma quante cose fai? Non ti fermi mai? Di contro, i miei genitori e i miei suoceri temono che Luca ed io moriamo di fatica: il lavoro, i bambini, la casa nuova, i tanti interessi… La verità è che di fatica non si muore, se si sta facendo qualcosa che ci appassiona.

    • valewanda ha detto:

      Lanterna, con mia mamma e’ un eterno combattere perché non capisce questa mia esigenza continua di fare, creare, inventare, organizzare. Di fatica non si muore, si è solo più stanchi (ma più vivi).

  3. acasadiclara ha detto:

    ti capisco, eccome ti capisco. non mi fermerei mai, parto torno organizzo riepilogo mi vengono delle idee me ne vengono delle altre faccio km per conoscere delle persone nuove organizzo feste e poi un’altra festa accompagno i miei figli ad un laboratorio poi ad un altro partecipo ad una gita e il giorno dopo ad un’altra. un paio di volte all’anno mi fermo e dormo la domenica pomeriggio perchè anche io sono umana. poi mi riprendo organizzo le vacanze a tappe e così ci sono mille vacanze in una, studio mappe, leggo guide, incontro persone, tutto questo oltre l’ufficio naturalmente, a volte in pausa pranzo, a volte di sera e di notte, a volte all’alba. altrimenti mi annoio, e che male c’è? gli altri mi chiedono dove trovi l’energia (chè noi – dicono- nel we non facciamo nulla stiamo sul divano). e io rispondo: io sul divano mi addormento e questa è la mia vita. sono un’anima inquieta ma felice. e questa è la mia vita!

    • valewanda ha detto:

      Clara, io nemmeno sul divano mi addormento semplicemente perché quando mi ci siedo e’ per fare qualcosa (uncinetto, ferri, internet, mail). L’unico momento in cui proprio non riesco a tirarmi giù dal letto e’ l’alba: mi alzo all’ultimo secondo disponibile, con i cannoni di mio marito che mi richiama all’ordine…

  4. arianna ha detto:

    Io ammiro la tua determinazione e la tua energia! Brava! Se queste cose ti fanno stare bene, ti fanno sentre viva, bene.

  5. mammaalquadrato ha detto:

    Cara Vale, credo non ci sia niente di più stancante e alienante dell’apatia quindi ben venga tutta questa energia e voglia di fare. Tutte queste attività immagino ti facciano stare bene quindi direi che va bene così 😉
    Un abbraccio 🙂

    • valewanda ha detto:

      Un abbraccio a te, mamma al quadrato. Certo, l’apatia non so nemmeno dove sta di casa: l’unico problema e’ un po’ di normale stanchezza a furia di fare tutte queste cose.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...