Ode alla coppetta

20120618-220332.jpg

Premessa: questo NON e’ un post sponsorizzato come qualcuno potrebbe pensare, lo dico e lo ridico.
Dunque, da dove comincio.
Un’amica insospettabile, a una cena spensierata e divertente, mi inizia a parlare di questo oggetto.
No, nemmeno lei era sponsorizzata, per capirci.
Mi dice ma dai, come non la conosci? Non puoi capire, non t’immagini la comodità, e’ un’altra vita, nuove prospettive, il mare, la notte, la pulizia, il risparmio, tutti vantaggi, nessun difetto.
Io e le altre sei della cena la guardiamo e stiamo zitte anche perché, davvero, come untrice e’ anomala.
Il giorno dopo la ordino, i giorni successivi la ordinano anche altre due.
Poi, per puro caso leggo un post di un’amica blogger, che parla di un gruppo segreto e commento che mi piacerebbe saperne di piu’.
Mi invita nel gruppo, un emisfero di chi sa, di chi e’ incuriosito, di chi vorrebbe provare come me, di chi già da mesi, anni, ha provato ed e’ entusiasta.
Primo tentativo a vuoto, mi eclisso.
Il gruppo pero’ rapisce la mia curiosità, leggo e mi ricarico, la seconda volta riprovo e inizio a capire la rivoluzione.
Ora sono alla fine del terzo esperimento, ormai e’ un successo, mai piu’ senza! L’ultima volta l’ho detto dell’iPhone….
Provo a diffondere il verbo, nessuno mi paga, nessuno mi ha chiesto niente, ma i vantaggi sono cosi’ limpidi che e’ un plebiscito.
E’ un oggetto di silicone, abbastanza piccolo, morbido e pieghevole. Materiale assolutamente non allergico, naturale.
Vari i modi per inserirla, esistono nel gruppo svariati video per nulla scontati, per me sono stati il vero segreto per superare la difficoltà di approccio.
Non si sente niente, e se dico niente vuol dire niente. Un giorno l’ho messa per precauzione, mi sono arrivate, e manco me ne sono accorta.
Tenuta: circa sei ore nei giorni abbondanti, otto o piu negli altri. L’intera notte non e’ un problema.
Comodità assoluta, manco in bici si sente nulla, provare per credere.
L’estrazione, se cosi’ vogliamo chiamarla, può sembrare difficoltosa, e all’inizio lo e’ stata, ora anche quella e’ prassi.
Vi risparmio i dettagli splatter, dico solo che io ero una rigorosamente “da esterni”, per capirci, e io ho ceduto.
I vantaggi economici manco a dirlo, ordine su internet di meno di trenta euro, durata anche anni, unico obbligo di sterilizzo ogni mese.
Non so, e’ talmente comodo che ancora non ci credo, e per questo diffondo.
Per i particolari, sapete dove trovarmi.
E se non volete provare non mi offendo mica, io lo dico per voi.
Dimenticavo, e’ la coppetta mestruale: l’avevate capito no?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

19 risposte a Ode alla coppetta

  1. M di MS ha detto:

    Coppetta = i-phone . Fantastica!!!

  2. Mamma in 3D ha detto:

    Tu per prima il blog e l’iPhone, e io mi ispirai…
    Ora, con Pinterest e la coppetta, mi sento anch’io grande influencer 😀

    Sono contenta che ti trovi bene quanto me, davvero!

  3. Alle67 ha detto:

    sai me lo hanno detto, ma sono troppo scettica, io solo esterni, ma come si fà? non ce la possofare… 😦

  4. mamma al quadrato ha detto:

    Io ho appena preso l’Iphone, non posso stravolgermi la vita! 🙂 (nel gruppo segreto ci sono pure io, chissà se prima o poi oso ordinare…)

  5. Per me la svolta è stata con questo terzo ciclo!

  6. lafrà ha detto:

    Ciao Vale,
    hai smosso le mia ultima resistenza – leggasi pigrizia. Grazie.
    Un caro
    lafrà

    p.s. dici sia il caso iniziare in campeggio libero al mare?

  7. Trilly ha detto:

    solo tramite internet si riesce ad acquistare??

  8. radicalchoco ha detto:

    Io la uso da un anno ed e’ assolutamente fantastica! Ero a dir poco reticente, poi informatami bene ho ceduto e mi trovo benissimo. Un’ altra vita. Provare per credere. E a chi chiede se si trova solo su internet rispondo di no, si trova anche nei negozi biologici. Come avrete capito: provare per credere!

    P.s. non le vendo eh, ne’ sono sponsorizzata! 😉

  9. chicca ha detto:

    è il moon cap, lo conosco da anni e lo vendono anche in qualche farmacia a Milano. Solo che non l’ho mai provato…sono un po’ reticente, sopratutto in fatto di praticità…per es a voi che lo usate domanda: siamo fuori, dobbiamo cambiarci in un bagno pubblico, allora lo tolgo e posso svuotare il contenuto nel water, ma suppongo debba anche lavarlo prima di rimetterlo e allora come faccio se di solito nei bagni pubblici il lavandino è fuori?

    • valewanda ha detto:

      Ciao Chicca, io non l’ho mai cambiata nei bagni pubblici, ma amiche che l’hanno fatto mi dicono che si portano una bottiglietta d’acqua e la lavano così. Prova, secondo me dovrebbe essere facile…

  10. Dhebora ha detto:

    io mi chiedo come ho fatto a vivere senza per anni 🙂 e uso una bottiglietta d’acqua quando sono in giro e vado nei bagni pubblici. mai avuto problemi

  11. chiaraesperire ha detto:

    Ladycuppettata da… boh 3 anni, credo! Mai potuto soffrire gli interni, come voi SOLO ESTERNI…. eppure non ne posso veramente fare più a meno! Niente odori, niente “bozzi”, e neanche più dolori (questo non lo so perché, ma è così!). Insomma, niente di niente!
    E ora mi hai invogliata a scrivere anche sul mio blog un post sulla coppetta… magari prima di ferragosto je la fo! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...