Che poi succede

20120426-235036.jpg

Che poi succede che ci sono giorni così, la scrivania colma di fogli troppo fitti, scritte nere e buie.

Giorni in cui c’è il sole, il vento, le nuvole, fa freddo, non si sa.

Giorni uguali, una festa, un pallone, una corsa al parco, la campanella, il parcheggio sotto l’ufficio che non si trova.

Firmo, prendo il tappo della penna, ho voglia di un caffè, poi di un altro, addento un panino al prosciutto alle dieci del mattino, mi guardano storta.

Ecco, succede che si guarda il monitor, la cornetta del telefono, il collega che schiaccia nervosamente la tastiera, un suono che si ripete sempre uguale.

Succede che si pensa a un racconto letto su un blog distrattamente, bellissimo, parlava di amicizia e di mare.

Ecco, giornate come oggi, in cui guardo il palazzo di fronte, e penso che vorrei essere da un’altra parte, non lontanissimo, ma da un’altra parte.

Vedo una barca ferma, qualche casa, una distesa di mare spenta, un negozio aperto, uno chiuso, qualcuno che apre le persiane, qualcun altro che sorride, una donna con la borsa della spesa, un banchetto con dei peperoni.

Io, da sola, un libro in mano, il silenzio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Che poi succede

  1. Trilly ha detto:

    e come hai scritto una volta da me…. posso aggiungermi? con il libro in mano, in silenzio giuro!

    (questa foto mi ricorda Varigotti fuori stagione… è bellissima e rende davvero bene l’immagine di te da sola con un libro lontana anche per poco dalla routine)

  2. Trilly ha detto:

    Varigotti, a mio parere, è il paese più bello e suggestivo (con mare incantevole) di tutta la liguria di ponente. ma fuori stagione, evitando agosto e luglio, a settembre c’è un luce dolce meravigliosa, a maggio è bellissimo…

  3. Veronica ha detto:

    🙂 ciao

  4. silvietta ha detto:

    ecco. io lo so che abbiamo vite molto molto diverse e non mi permetterei mai di confrontare le mie e le tue fatiche: c’è in te una forza serena che ammiro e mi illumina. però quando scrivi queste righe sembra che tu mi abbia letto dentro. o anzi, meglio, fai risorgere da dentro di me certi pensieri a cui non do voce.

    grazie.
    un abbraccio
    francesca aka silvietta

  5. shesnotamerican ha detto:

    Mi ci ritrovo, anche per me è così in questi giorni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...