Alessia e il premio che fu

Tempo fa ricevetti da Alessia un graditissimo premio: la ringraziai ma non ne feci menzione da nessuna parte.

Non conoscevo Alessia, se non per sentito dire, fino a un anno fa, quando in un assolato pranzo sul lago mi venne incontro con un paio di ballerine rosse che mi colpirono, oltre e soprattutto alla sua risata contagiosa.

Qualche scambio, risate distratte (per me), che inseguivo le tre belve scatentate, intente a scovare tutti i pericoli del prato scosceso della casa vista lago di una cara amica di sempre (per me e per lei).

Qualche bella foto ricordo postata da lei, e conservata da me, e nulla più.

Poi la conoscenza, un po’ per caso, si approfondisce su facebook  e ancora di più sui rispettivi blog, il suo una scoperta per me.

Come ho già avuto modo di dire, spesso un blog rispecchia chi lo scrive in modo profondo, viscerale, intimo: per me, che ho bisogno di scrivere per esorcizzare talvolta delle emozioni, la pagina scritta mi rivela senza segreti, la conoscenza che si ha di me leggendolo credo sia abbastanza profonda, l’immagine mia è quella.

Questo per dire che il blog di Alessia è stato una scoperta, come lo è stata lei, e leggo con curiosità ogni suo post, traendone spunti, atmosfere, colori e immagini da trattenere, fissare e ricordare.

Le ricette, dettagliate, colorate e speciali, che rivelano capacità di cogliere gli attimi, i momenti, la quotidianità con entusiasmo e voglia di novità.

I viaggi, le foto, le descrizioni precise e puntuali di luoghi ma soprattutto di sensazioni a pelle, sentite e vissute con intensità, che rivelano una sensibilità fuori dal comune.

L’amore per una città vissuta e da scoprire, in cui scovare con entusiasmo gli angoli nascosti, i negozi originali, le creazioni particolari colorate e eccentriche.

L’amicizia, le cene, le uscite a chiacchierare o per vedersi un film, le fughe sdraiati su un prato ad ascoltare musica, le foto, le risate con un bicchiere a godersi l’estate.

Questo leggo tra le righe e tra le foto, e questo ora condivido.

Con un grazie speciale per il premio di allora.

La foto è di Alessia, ovviamente, so che non le dispiacerà.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alessia e il premio che fu

  1. hal1974 ha detto:

    Caspita Vale…. Non me lo aspettavo. Posso dirti grazie.
    Ma è molto poco rispetto allo stupore prima e alla…. gioia che ho provato nel leggere il tuo post. E non è solo perché un po’ l’ego ne gode (cosa che è indubbia). E’, soprattutto, perché è bello scoprire che qualcuno che ti osserva da lontano, in fondo, ti osserva bene. E ha voglia i scoprirti e conoscerti per come sei. Quindi, grazie mille. Ma ti giuro che è molto di più di grazie quello che ti vorrei scrivere.

  2. valewanda ha detto:

    Ale, per ringraziarti del premio di allora, ho pensato che fosse giusto dedicarti qualcosa di speciale, perché è quello che sento e mi andava di condividere con te. ne parleremo a voce 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...