La guerra di Nora…

 

Ho appena finito questo libro… mi ha colpito, colpito davvero, e voglio citarne una pagina bellissima, che fa riferimento ad un periodo buio del nostro paese, che mi affascina da sempre.

"… Il colore dei miei ricordi è grigio e poi rosso.

Era grigio l’angolo della strada, grigio l’asfalto, grigia la saracinesca dell’edicola, ancora serrata alle sette e mezza del mattino. Grigia era anche l’arma che stringevo senza emozione nelle mani, come avrei potuto stringere il manico della cartella di un bambino, di una borsa da lavoro o della spesa.

Invece quello era un agguato.

Noi eravamo i lupi, lui l’agnello.

Aspettavo di veder morire un uomo.

Non un uomo: un nemico del popolo.

Era uscito dal portone tranquillo, con un impermeabile color fango.

La sua figura mi era familiare, tutto in lui mi era familiare, come si trattasse di un parente o di un vecchio amico. Ne avevo seguito le tracce per mesi.

Chissà a che cosa pensava, nel momento in cui ha sceso i gradini del palazzo, come tutte le mattine.

Attraversando l’androne aveva salutato la portiera: "Buon giorno, signora."

Poi si era diretto all’appuntamento con noi, con la convinzione di chi crede che ai gesti consueti debbano seguire gesti consueti, senza variazioni.

Aveva respirato l’ultima aria, e quell’aria già a quell’ora puzzava del minestrone messo a bollire dalla portiera, il tanfo delle portinerie romane, lo stesso del mio palazzo di via Bellotti Bon.

Le sue narici non sapevano che quelli erano gli ultimi respiri…."

 

Sono ancora senza fiato…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Argomenti vari. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...